Cellulite: quanto ne sai veramente?

Cellulite: quanto ne sai veramente?

Cellulite: quanto ne sai veramente?

La cellulite è un argomento sensibile per 9 donne su 10 dai 30 anni in su.

Questa è infatti la percentuale di donne colpite da questo fastidioso inestetismo che è pur sempre una patologia che si riconduce a problemi legati alla ritenzione idrica e ad una cattiva circolazione sanguigna e linfatica.

Conoscere bene le cause può aiutare a riconoscere, tra le migliaia di alternative proposte in commercio, quelle veramente efficaci da quelle poco utili o addirittura potenzialmente dannose.

Infatti tutte le soluzioni alla cellulite devono essere soluzioni a queste due problematiche: ritenzione e cattiva circolazione.

Se è vero che la genetica è un fattore molto importante sulla presenza o sulla gravità della cellulite, c’è da dire che la maggior parte delle cause possono essere evitate con semplici accorgimenti o con cambiamenti dello stile di vita e la maggior parte dei rimedi sono alla portata di tutte.

La parola d’ordine quindi è consapevolezza.

Per fare chiarezza su questo argomento, sfatare moltissimi miti e dare utilissimi consigli, le estetiste dei centri Vitality hanno creato un guida gratuita che può essere scaricata da questo link:

https://www.vitality.fitness/zerocellulite/

 

Ad esempio uno dei falsi miti argomentati è quello dell’efficacia delle creme anti cellulite.

Anche se queste sono super pubblicizzare e costa tantissimo, la loro efficacia è praticamente nulla. Il perchè è presto detto.

Infatti la nostra pelle è una vera e propria barriera fatta apposta per non essere oltrepassata facilmente da nessuna sostanza, tanto meno dai principi attivi delle creme.

Se fosse così facile per le sostanze oltrepassare la nostra pelle, avremo grossi problemi ogni volta che laviamo i piatti o i vestiti a mano con i detersivi ad esempio.

Per fortuna invece la nostra pelle ci protegge, e molto bene, dalle sostanze esterne.
C’è un altro limite all’efficacia dei cosmetici.

Ammettendo che i principi attivi delle creme possano oltrepassare la barriera della pelle, cosa potrebbero fare?

Non di certo eliminare le tossine sostituendosi alla linfa o eliminare i liquidi in eccesso, entrambi fattori scatenanti della cellulite.

E ancora meno ridurre un’infiammazione causata da problemi al microcircolo.

Inoltre la concentrazione di principio attivo nelle creme è veramente bassa e la possibilità che esso venga assorbito del tutto è collegata a una buona micro circolazione.

 

Ma la cattiva micro circolazione è la causa della cellulite, quindi la funzionalità stessa del nostro principio attivo ne risulta compromessa.

L’unica cosa che può fare una crema anti cellulite è preservare l’integrità dei capillari con principi attivi capillaro-protettori (il più famoso è l’escina), impedendo così alle loro sottilissime pareti di lacerarsi.

Oltre a quello delle creme ci sono altri falsi miti relativi all’attività fisica e cellulite.

Purtroppo ci sono tante attività che potrebbero sembrare utili alleate contro la cellulite e invece non lo sono per nulla.

Tra queste c’è sicuramente la corsa, la camminata, ma anche allenamenti troppo faticosi o l’eccesso di attività cardio.

Infatti i ripetuti impatti col terreno nella corsa, nella camminata o nelle attività ad alto impatto creano delle microlacerazioni alle membrane delle cellule adipose, portandole ad infiammarsi ancora di più e peggiorare quindi l’effetto pelle a buccia d’arancia.

Ma allora quali sono le attività più indicate, i rimedi più efficaci e i trucchetti quotidiani che possono aiutarti ad eliminare la cellulite?

 

 

Questo e tanti altri utilissimi consigli sono inseriti all’interno della Guida Gratuita.

Da questo link può essere scaricata gratuitamente: https://www.vitality.fitness/zerocellulite/

Contattaci per accedere alle nostre offerte

I tuoi dati sono trattati nel rispetto della Direttiva UE GDPR 679/2016 e Normativa Nazionale vigente, D.Lgs. 196/2003 e D.Lgs.101/2018. Puoi chiedere in qualsiasi momento la cancellazione e l'uso dei dati ai sensi dell'Art. 17 del GDPR inviando una comunicazione al titolare del Trattamento dati.
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.